25 Aprile: la festa della liberazione

25 aprile 1945 è una data fondamentale per la storia dell’Italia. La cittadinanza di Milano, su invito di Sandro Pertini, insorge contro le forze nazifasciste. Sandro Pertini annuncia alla radio: “Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.”

La festa nazionale

La data è presa come simbolo per la fine delle ostilità nello stivale italiano. Il 25 aprile 1945 è celebrato come festa con decreto del luogotenente Umberto II di Savoia su consiglio del presidente del consiglio di Alcide De Gasperi.  La ricorrenza diventa festa nazionale il 27 maggio 1949 con la legge 260, “Disposizione in materia di ricorrenze festive”. Per commemorare la fine della guerra, sono organizzate manifestazioni ogni anno nelle città italiane.

Verso la liberazione dello stivale

Come si è arrivati alla fine della II Guerra Mondiale in Italia? 8 settembre 1943, il maresciallo Pietro Badoglio firma l’armistizio di Cassibile. Il governo italiano  si arrende alle forze Alleate. La penisola si spacca, poiché la parte settentrionale dello stivale è istituita la Repubblica Sociale di Salò, ultimo baluardo dell’Italia fascista; l’Italia meridionale è libera. Inizia la guerra di liberazione, che si conclude con la sigla della Resa di Caserta, 29 aprile 1945.  La resa prevede la fine delle ostilità da parte dei nazifascisti. L’accordo è operativo dalle ore 14:00 del 02 maggio 1945.

Italia trova la sua pace. Grazie al sacrificio dei nostri bisnonni e nonni, siamo cresciuti in un Paese libero. Dobbiamo commemorare questa giornata per ricordarci che la Pace è una grande vittoria. Noi abbiamo il dovere di preservare la pace.

Il 25 aprile 1945 è parte della memoria di tutti noi, italiani. Per finire viva l’Italia e viva la Pace.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *