Torino Noir: il lato oscuro

In un noioso pomeriggio di lavoro, è arrivata nella casella di posta un’e-mail che pubblicizzava il tour “Torino Noir”.  Colpito dalla descrizione del tour, ho chiamato la mia amica e ho proposto un venerdì alternativo.

 

IL TOUR

“Torino Noir”,  è organizzata dall’agenzia Somewhere Tour & Events, porta alla scoperta del lato oscuro della città sabauda. La passeggiata tinta di rosso nasce dagli studi del giornalista scrittore Renzo Rossotti.  Egli è torinese e ha dedicato parte del suo lavoro alla cronaca gialla sabauda.

LA PASSEGGIATA

La passeggiata inizia con la salita al Campanile del Duomo. Dopo 210 gradini, lo sguardo è rapito da una vista superba. La guida ha iniziato a raccontare i casi di cronaca nera, che hanno macchiato la città. Così facendo, viene raffigurata la mappa oscura di Torino.

Le cupole torinesi allineate

Il giro prosegue con destinazione il cortile di Palazzo Civico. Qui, si narra della peste nera che, nel 1630, ha decimato la popolazione dell’Italia settentrionale. La città di Torino è stata guidata dal giovane sindaco Gian Franco Bellazia durante questo tragico evento. La visita è stata arricchita dalla visita di un personaggio del passato. Egli ha raccontato come si spiegava ai bambini la peste con la canzone giro giro tondo…..

La tappa successiva è stata il Palazzo di Giustizia attivo fino al 2000. Nei suoi scantinati si trovano le prigioni, che hanno ospitato numerosi colpevoli in attesa di giudizio. Qui,  un altro personaggio dal passato è venuto a raccontare alcune sentenze. La lettura fa comprendere l’anima della giustizia, che non sempre corrisponde alle aspettative del popolo.

Il giro nella Torino oscura ha come sua ultima tappa la Chiesa della Confraternita della Misericordia. Gli esponenti accompagnavano i condannati a morte nelle loro ultime ore di vita. Il condannata veniva ristorato sia spiritualmente che materialm

L’interno della Chiesa della Misericordia

ente, dandogli il suo ultimo pasto. Da qui nasce l’espressione il brodino delle 11.

 

Vi auguro una buona passeggiata!!!

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *